Isole Orcadi: Maxi day Tour (I parte)

Alla scoperta delle Isole Orcadi

10 commenti
scozia 2014 Ale_1443
Pale eoliche alle Orcadi

Una parte molto bella del nostro viaggio in Scozia nel 2013 è stato il Maxi Day Tour delle Isole Orcadi. Partenza da John O’Groats alle 8.45 del mattino. Costo indicativo £65 a persona (parlo di adulti).

La traversata dura circa 45 minuti, su un traghetto che non dimenticheremo. Siamo saliti a bordo il 1 maggio, per gli Scozzesi, maggio, è già un mese di bella stagione, quindi riscaldamenti spenti e tutte le porte aperte.

Immaginate un pò quanto freddo abbiamo preso, immaginatelo e poi moltiplicatelo all’ennesima potenza!! Eravamo stretti nei nostri giubbini, tutti coperti ed incappucciati. facevano forse 7/8 gradi e c’era un vento freddo e gelido che arrivava da ogni direzione!

scozia 2014 Ale_1724

Nonostante il freddo siamo stati temerari e saliti sul terrazzo panoramico del traghetto.  Bontà di un tiepido sole, abbiamo goduto di panorami strabilianti a mano a mano che ci stavamo avvicinando alle Isole.

scozia 2014 Ale_1712
Appena arriverete lo sguardo si poserà qui!

Le Isole Orcadi sono un arcipelago delle Isole del Nord della Scozia. Si trovano a 16 Km a Nord della costa settentrionale del Caithness Scozzese, famosa e ricca di reperti vichinghi. Comprendono circa 70 isole di cui 20 sono ancora abitate. L’arcipelago è disseminato di villaggi preistorici e di standing stones.

L’ospitalità è come quella di un tempo e se vi fermerete a parlare con qualche anziano del luogo, sarà ben lieto di raccontarvi storie di quando l’isola fu conquistata dai vichinghi. Lo Orcadi presentano paesaggi spettacolari, solo poche miglia le separano dalla terra ferma, ma le acque del Pentland Firth sono molto insidiose come testimoniano numerosi relitti che giacciono sui fondali marini e che amplificano l’aria di mistero di queste isole, spesso avvolte dalla nebbia.

Avendo avuto a disposizione solo 1 giorno per visitarle, abbiamo optato per il maxy day tour del John O’Groat ferry. Cliccate su questo john o’grat ferry per vedere gli orari, i vari itinerari e dove potete acquistare on line i biglietti.

Attraccati al porto di Burwick, ci attendeva il nostro autobus e la nostra guida Michael, un uomo di mezza età dallo sguardo felice, due occhi azzurri come il cielo della Scozia ed un sorriso che ci ha subito fatti sentire i benvenuti.

Michael è nato, cresciuto e ancora vive sulle isole Orcadi. Mi ha trasmesso subito tanta serenità e tanta gioia di vivere. Sembrava un uomo felice ed ho pensato che lo fosse perchè non poteva essere altrimenti, essendo cresciuto immerso in tanta bellezza e natura.

Fu proprio Michael ha raccontarci che sull’isola non ci sono alberi né galline a causa dei forti venti! Vi immaginate svegliarsi una mattina e non trovarci più nulla o vedere le galline piroettare in aria??  Della serie galline volanti!!! 🙂 Le uova e tutto quello che riguarda questi animali viene preso dalla terra ferma o da allevamenti al chiuso.

Michael è stato discreto ma, allo stesso tempo presente, molto preparato e non solo sulle curiosità e gli aneddoti che non si trovano sulle guide ufficiali, ma anche sulla storia dell’isola e sui suoi monumenti.

scozia 2014 Ale_1469
Il grazioso porticciolo

Esplorando la Mainland

L’itinerario della prima parte del viaggio, ha costeggiato le Churchill Barriers, sbarramenti costruiti nel 1940, durante la II Guerra Mondiale con lo scopo di far arenare i sottomarini nemici nella baia di Scapa Flow, uno dei porti naturali più grandi al mondo. Costeggiando le Churchill Barriers, si vedono ancora i relitti delle navi che vi sono arenate, immobili ed immutate, come giganti marini, assopiti per sempre. Circa 74 navi tedesche furono tenute sotto sequestro qui!

Durante la guerra 55 navi colarono a picco e si inabissarono, mentre altre rimasero incagliate nelle acque basse. Molte furono recuperate, ma altre giacciono ancora sui fondali e attirano sub provenienti da tutto il mondo. Potete contattare Diving cellar o Scapa Scuba, se siete interessati ad immergervi!

Gli sbarramenti creati dalle barriere congiungono le 5 isole che ne fanno parte e prenotando in anticipo si può fare anche un tour con la barca, che vi porterà proprio lì sotto, per visitarle e vederle da vicino, così da assaporare a pieno il loro fascino e la loro maestosità.

scozia 2014 Ale_1452
Scape flow – Relitti ancora visibili e visitabili
scozia 2014 Ale_1463
Orcadi – Graemsay sullo sfondo

Abbiamo visitato sia Stromness che Kirkwall, i due centri di maggiore interesse nel Mainland, ovvero l’isola principale dell’arcipelago, il cui nome significa “Terraferma”, che ha dato spesso origine a fraintendimenti e confusione. Sono due cittadine pittoresche, pulite e meravigliose.

Passeggiando per le loro vie si respira aria di mare, pace, sapore di vita intrisa di pesca e reti aggrovigliate, tiepido sole, sinfonie di gabbiani e vitalità. Ci sono restate nel cuore!

scozia 2014 Ale_1474
– a passeggio tra le vie –

Stromness

Stromness è una delle più pittoresche cittadine Britanniche. Passeggiare tra quelle vie che poco sono cambiate rispetto al 18 secolo, vederne i borghi marinari, le barche attraccate alle porte delle case e i numerosi cottage in pietra è stato suggestivo La città è in uno stato conservativo eccellente, tutto è curato in ogni minimo particolare, vi sembrerà di camminare dentro un dipinto.

scozia 2014 Ale_1472
Borghi marinari e viuzze pittoresche
scozia 2014 Ale_1482
choose your direction
scozia 2014 Ale_1483
Ogni casa è accuratamente addobbata

Stromness è uno dei porti principali delle Isole Orcadi, il suo nome deriva dall’antico norvegese “straurmness” che significa “promontorio nella corrente o nella marea“. E’ situata nella parte sud occidentale dell’Isola di Mainland e si affaccia sulla baia di Hamnavoe, uno dei più ampi accessi alla baia di Scapa Flow.

Abbiamo avuto diverse ore per visitare la città e mangiare qualcosa, inoltre il biglietto del tour, ci ha fornito un ingresso gratuito per visitare il museo cittadino. E’ stato molto emozionante girare in assoluta tranquillità per quelle vie dove dietro ogni angolo si apriva un panorama unico da immortalare in foto e nel cuore!

Mentre passeggiavamo spesso mi sono chiesta, quanto sarebbe stato bello essere nata o aver vissuto per un parte delle mia vita su quell’isola. Scollegata e pure connessa al resto del mondo, libera di respirare ogni giorno un’aria così pura, che quasi sembrava differente da quella a cui sono sempre stata abituata.

Le persone sembravano davvero serene e felici, calme come se lo scandire così diverso del tempo in quel luogo, le rendesse ignare  del ritmo frenetico che invece contagia tutti quanti noi.

scozia 2014 Ale_1484
Scorci di mare ad ogni angolo
scozia 2014 Ale_1486
In un quadro .. a passeggio sotto il sole delle Orcadi
scozia 2014 Ale_1488
Pronti a partire, non appena chiuso l’uscio di casa
scozia 2014 Ivan_2836
Un piccolo angolo di paradiso isolano

Prossima Tappa …. Maxy day tour II parte. clicca qui

10 comments on “Isole Orcadi: Maxi day Tour (I parte)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...