L’unicorno e la Scozia

nessun commento

unicorn-2006868_640

L’Unicorno è l’animale ufficiale della Scozia e fu utilizzato per la prima volta sullo stemma reale scozzese da Guglielmo I nel XII secolo. Ma perchè è stato scelto proprio questo animale magico? Le fonti variano un pò su questo argomento: alcuni sostengono che gli scozzesi, essendo grandi amanti delle leggende e dei miti, abbiano scelto questo animale magico per rendere onore a tali storie. Altri affermano che sia stato scelto l’unicorno perchè simboleggia l’orgoglio e la libertà. Notoriamente difficile da catturare e soffocare, rappresenta al meglio la Scozia nella sua lunga battaglia per rimanere indipendente. La verità probabilmente è una combinazione di entrambe le spiegazioni.

L’unicorno è stato adottato come l’animale nazionale della Scozia da parte di Re Robert alla fine del 1300 e nel XV secolo, quando Giacomo III era al potere, circolavano anche monete d’oro, con impresso l’unicorno.

Dopo l’Unione delle Corone nel 1603, Giacomo VI di Scozia che poi divenne Giacomo I d’Inghilterra e Irlanda, cambiò lo stemma nazionale, che prima era composto da due unicorni rampanti, che reggevano le bandiere e lo scudo, sostituendo l’unicorno di destra con il leone rosso rampante, simbolo dell’Inghilterra. Questo per dimostrare che i due paesi erano davvero uniti, cosa che non fu mai realmente. Nella realtà infatti, l’unione era meno che amichevole e questo conflitto fu immortalato anche in rinomata British Nursery Rhyme, “The Lion and the Unicorn”.

248px Royal_Coat_of_Arms_of_the_United_Kingdom_ Scotland .svg.png immagine PNG 248 × 240 pixel

L’unicorno è sempre rappresentato incatenato, perché libero sarebbe troppo pericoloso ed indomabile. L’unicorno infatti era ritenuto il più forte di tutti gli animali – selvaggio e indifeso. L’indomito animale rappresenta numerose virtù che appartengono e rappresentano a pieno la Scozia e l’animo dei suoi abitanti: la purezza, l’innocenza, ma anche la forza, la nobiltà e la virilità. Gli scozzesi hanno una forte vena sentimentale sotto la loro scorsa esterna e la loro cultura è ricca di superstizioni, miti e leggende.

Nella simbologia medievale l’unicorno era considerato un animale piccolo, ma invincibile e con proprietà benefiche e curative; simile al cavallo, che era simbolo di nobiltà, si differenziava da questo per il corno sulla fronte, che lo classificava come animale divino.

The_Lion_and_the_Unicorn_3.jpg immagine JPEG 475 × 429 pixel
A Nursery Rhyme Picture Book by L. Leslie Brooke. (Public Domain)

Inoltre l’Unicorno rappresenta la Scozia anche nella lotta contro l’Inghilterra; famosa è una ninna nanna inglese in cui c’è un Leone che combatte con un Unicorno, “The Lion and the Unicorn”, eccovi il testo:

The lion and the unicorn
Were fighting for the crown
The lion beat the unicorn
All around the town.
Some gave them white bread,
And some gave them brown;
Some gave them plum cake
and drummed them out of town.
And when he had beat him out,
He beat him in again;
He beat him three times over,
His power to maintain.
Lion_and_Unicorn.jpg immagine JPEG 561 × 432 pixel
John Tenniel’s illustration for Through the Looking-Glass (Public Domain)

Anche in “Alice nel paese delle meraviglie”, Through the Looking-Glass di Carroll, la protagonista incontra un leone e un unicorno che combattono, allegoria della tensione che c’era tra i due paesi perennemente in competizione e lotta.

Non è chiaro esattamente quando l’Unicorno sia apparso per la prima volta nell’araldica scozzese, ma uno dei primi esempi si osserva nello stemma reale “Royal Stemme” a Rothesay Castle che si ritiene fosse stato intagliato, prima del XV secolo.

Elyse Waters, storico, ha scoperto un libro di cucina medievale che includeva una ricetta su come cucinare al meglio questa bestia mitica. Durante la sua ricerca, ha ritenuto che l’Unicorno fosse il nemico naturale del leone – un simbolo che i reali inglesi adottavano circa cento anni prima. Secondo il folklore infatti, il leone e l’unicorno si odiano reciprocamente.

101_0363
Al castello di Edimburgo

Scudo/Stendardo del Regno di Scozia.

Lo scudo presenta un leone rampante rosso, con la lingua e gli artigli blu, su un campo giallo, circondato da una doppia orlatura di gigli. Il cimiero presenta un leone, che indossa le Insegne di Scozia (la corona, la spada e lo scettro). Sopra il cimiero il motto “In Defens“, abbreviazione di “In My Defens God Me Defend” (In mia difesa Dio mi difende). Inizialmente era il solo motto scozzese, in seguito venne aggiunto “Nemo me impune lacessit (Nessuno mi provocherà impunemente). Lo scudo è circondato dalle insegne dell’Ordine del Cardo. Tutto è sostenuto da due unicorni con corona e collare, ai lati dello scudo sono poste due bandiere con asta: a sinistra lo Stendardo reale scozzese e a destra la Bandiera scozzese.

Lo Stendardo reale di Scozia, conosciuto anche come Stendardo reale dei Re di Scozia o semplicemente Leone Rampante è lo stendardo usato dai Re prima dell’unione con il Regno d’Inghilterra.

Questo stendardo si pensa sia stato adottato per la prima volta nel XII secolo da Guglielmo I di Scozia (detto “Guglielmo il Leone”), ma venne usato per simboleggiare il dominio scozzese nel 1222 con Alessandro II di Scozia.

A seguito dell’Unione delle corone del 1603, lo stendardo è stato incorporato nello stendardo reale britannico, e compare nel secondo quarto in Inghilterra, mentre in Scozia è usata una versione dove il “Leone Rampante” è presente nel primo e nel quarto quadrante.

248px Royal_Coat_of_Arms_of_the_United_Kingdom_ Scotland .svg.png immagine PNG 248 × 240 pixel

Oggi lo stendardo è usato ufficialmente nelle residenze reali scozzesi: l’Holyrood Palace e il Castello di Balmoral quando la regina non è presente. Quando la regina si trova nelle residenze reali in Scozia è utilizzato lo stendardo reale britannico. Lo stendardo può anche essere utilizzato dai rappresentanti della corona.

 

Storia

Il primo stemma scozzese fu quello di Guglielmo I di Scozia che nel XII secolo creò il Leone Rampante. Durante le età lo stemma subì diverse modifiche ogni volta che si cambiava sovrano, così il “Leone Rampante” rimase come lo stemma personale del re mentre questo divenne lo stemma del regno. Inizialmente, ad esempio, nel cimiero il leone non aveva lo scettro e la spada era poggiata sulla spalla destra e proseguiva fino a dietro la corona; oppure gli unicorni erano senza corone, ma essendo bestie pericolose aveva sempre le catene; inoltre non c’era il motto odierno e neanche le insegne dell’Ordine del Cardo, infine, in alcuni casi, il leone rampante aveva la lingua e gli artigli rossi e la coda non terminava verso il l’esterno ma verso l’interno e in altri casi aveva la corona come quello presente sullo Stemma della Norvegia.

Molte di queste variazioni relativamente secondarie derivano dai diversi sforzi dei muratori, dei tessitori, degli artisti e degli scultori durante le epoche, nei loro tentativi di generare un facsimile delle armi del periodo. Quando Maria Stuarda, sposò Francesco II di Francia nel 1558 divenendo così regina consorte di Francia, nello stemma reale di Scozia si aggiunse lo stemma di Francia, quindi lo scudo venne diviso in due parti: a destra lo stemma di Francia, cioè tre gigli gialli in campo blu, e a sinistra quello di Scozia il leone rampante rosso in campo giallo. Con l’Unione delle Corone, Giacomo VI di Scozia divenuto anche Re d’Inghilterra unì lo stemma di Scozia con lo Stemma dell’Inghilterra e lo Stemma dell’Irlanda così ora lo scudo venne diviso in quattro parti (“inquartato”).

Uso odierno

Oggi è stato sostituito dallo Stemma reale del Regno Unito, ma in Scozia si utilizza una versione molto simile a quella antica, le uniche differenze sono che nelle due bandiere invece dello stendardo reale di Scozia si trova la bandiera inglese, c’è un solo unicorno e un leone giallo con corona e ovviamente nello scudo lo stemma del Regno Unito invece di quello di Scozia. Mentre sono sempre presenti i simboli della Scozia, quindi il leone con le insegne, i due motti in latino e le insegne dell’ordine del cardo.

Oggi l’uso di questo stemma è riservato solamente ad alcuni uffici storici, ad alcune alte cariche dello stato e nelle residenze del sovrano, quando questo non è residente.

Attualmente il Reale Stemma raffigura un’immagine di un Unicorno Scozzese a sinistra, con la bandiera di San Andrews, e un leone inglese, con la bandiera di San Giorgio, sulla destra.

In Scozia, potete vedere ancora oggi l’unicorno presente e rappresentato in vari luoghi, tra cui ad esempio:

  • Al cancello del Palazzo di Holyroodhouse
  • Di fronte al Museo Nazionale della Guerra e alla Cappella di San Margaret al Castello di Edimburgo,

27062008288

27062008292

  • Nella Fontana del Re a Linlithgow Palace, luogo di nascita di Mary Queen of Scots.
  • Su una Scultura in pietra del palazzo dell’Università di St Andrews, la prima università della Scozia fondata nel XV secolo.
100_1303
Grande Sala Castello di Stirling

100_1299

  • In cima alla Grande Sala al Castello di Stirling, una volta residenza privilegiata dei re e regine di Stewart e uno dei siti più storicamente importanti della Scozia. Al castello troverete anche un bellissimo arazzo di caccia con raffigurato un unicorno.
100_1304
arazzo con l’unicorno
  • In cima alla Mercat Cross a Dunfermline, Jedburgh, Melrose, Culross, Falkland, Dandee, Crail o Cupar per non parlare di tutte le città della Scozia (sul Royal Mile di Edimburgo e Falcon Square di Inverness).
  • Unicorni anche al Delgatie Castle vicino a Turriff in Aberdeenshire, uno dei castelli più antichi e storici della Scozia.
  • Sulla sedia della Regina nella cappella di Thistle, alla cattedrale di St Giles a Edimburgo.

HPIM2109

Questi solo per citare alcuni esempi.

 

 

Tutte le foto che non sono state scattate da me sono con Licenza: Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 o Public Domain

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...