East Neuk of Fife ed i pittoreschi villaggi dei pescatori

9 commenti

scozia 2014 Ivan_2338

L’incantevole tratto di costa che comprende l’East Neuk o East Neuk of Fife si estende da St. Andrews verso sud, fino alla punta del Fife Ness per terminare nella cittadina di Leven. Comprende i villaggi marinari della parte più settentrionale del Firth of Forth e quelli interni immediatamente adiacenti ai primi.

Villaggi di pescatori, stradine tranquille e vista sul mare ecco quello che vi farà innamorare di questa piccola zona della costa scozzese, che difficilmente dimenticherete.

Neuk è una vecchia parola scozzese che sta per “angolo” e East Neuk è il nome dato alla zona di terra che corre intorno alla penisola orientale del Fife.

L’East Neuk è una comunità ristretta e un numero sorprendente di pescatori ancora vive qui. Watson, Gourlay, Murray sono anche oggi i nomi degli equipaggi identici a quelli delle lapidi, coperte di licheni, in memoria dei secoli passati. E il passato continua in questi luoghi e lo potrete vedete camminando tra le case lavate a colori, nei tetti rossi e nelle reti aggrovigliate per le strade! Lo senti anche nelle grotte marine, dove abitavano i monaci e gli eremiti più di mille anni fa e sulla riva rocciosa in cui i contrabbandieri una volta hanno scaricato il loro bottino.

Fife Region East Neuk

Tutto nell’East Neuk è pittoresco, come uscito dal pennello di un pittore, che ha creato paesaggi e panorami unici ed incantevoli. Baciati dal sole questi luoghi vi rapiranno e vi porteranno in un altro luogo ed un altro tempo. Vi dimenticherete di avere un orologio e sarete rapiti dalle sua bellezza e immensità della natura.

 

19800973_1597624000271197_2280521839028159382_o

Crail, risalente al XVI, ha uno dei porti più belli della zona ed è molto rinomato tra gli amanti del pesce, per i suoi molluschi deliziosi. Sedetevi al porto e gustatene un po’ appena pescati!

19800902_1597623213604609_7683649286193484555_o
Le panchine verso l’infinito

Potrete esplorare le strette viuzze dette “wynds” del villaggio o semplicemente fare una passeggiata lungo il caratteristico porto, per vedere le barche dei pescatori.
Affascinanti le strade acciottolate che si diramano da e per il porto. Il tutto protetto dalla scogliera e circondato dalle casette dei pescatori del centro storico, bellissime e tenute con estrema cura!

19944480_1597622553604675_3987691961963149347_o

Al Crail Pottery troverete una infinità di ceramiche e durante le vacanze scolastiche, anche quelle fatte dai bambini del posto. Il suo porto in pietra è stato fotografato da ogni angolazione e caratteristiche sono anche le sue case dai tetti rossi.

Troverete anche un museo che vi illustrerà il legame del luogo con l’industria ittica.

18358892_1532431790123752_879037671653357415_o

 

Anstruther era un porto pittoresco ed un villaggio di pescatori, così pieno di barche da pesca che un tempo era possibile camminare solo da un lato! Ma i banchi di aringhe del Mare del Nord scomparvero, portando con sé la maggior parte della flotta da pesca. Ancora oggi passeggiando per il porto e le sue strade respirerete il suo legame con i pescatori e le aringhe.

18358970_1532431566790441_5449398718294045030_o

La città ospita il Museo della pesca scozzese, un museo nazionale che racconta la storia della pesca dai tempi più antichi fino ai giorni nostri. Allestito in un complesso di edifici accanto al porto, le esposizioni includono un cottage appartenente ad una famiglia di pescatori, nonché la storia dell’industria di aringhe, che era una volta il fulcro dell’economia locale. Anstruther è un posto davvero incantevole. Fare una passeggiata lungo le sue strade acciottolate vi riporterà indietro nel tempo e vi farà godere di tutte le sue meravigliose casette.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In High Street molti negozi mostrano ancora segni originali e pubblicità di aziende ormai dimenticate. Ci sono ristoranti che servono specialità locali di pesce ed al Fish Bar dalla riva, troverete uno dei migliori ristoranti di fish & chip della Scozia! Vedrete molti turisti gustare del pesce, passeggiando, in attesa di imbarcarsi per l’isola di May.

 

Ci sono molti edifici interessanti uno è la Buckie House. La casa fu coperta di conchiglie da Alex Batchelor, è davvero suggestiva da vedere, ci si passa accanto con la macchina e si rischia di non farci caso, se non si sa dove guardare.

Famosa anche la torre del Golf ben visibile dalla spiaggia di Billow Ness, che rende questo posto inconfondibile.

scozia 2014 Ale_528

scozia 2014 Ivan_2336

Nella zona potrete visitare anche il Kellie Castle (sotto la tutela del National Trust) è un ottimo esempio dell’architettura della Scozia della Lowland. Si trova più precisamente oppena fuori da Arncroach a circa 5 km a Nord da Pittenweem. La parte più antica si pensa risalga al 1360, ma l’edificio nella sua forma attuale è del XVI e dei primi del XVII secolo. Completato intorno al 1606. Restaurata con simpatia da parte della famiglia Lorimer intorno al 1878, contiene magnifici soffitti in gesso, pannelli verniciati e mobili disegnati da Sir Lorimer Lorimer.

A circa 5 km da Anstruther troverete lo Scotland’s secret Bunker, che avrebbe dovuto essere un centro di comando sotterraneo durante la guerra fredda oltre che un rifugio nucleare per i politici scozzesi. La struttura è autentica e piena di oggetti risalenti all’epoca. La visita al bunker è davvero interessante e la potrete fare da aprile ad ottobre.

pittenweem-992423_1280
Foto con licenza CC0

Pittenweem è uno dei porti principali del East Neuk e il luogo ideale per gustare pesce freschissimo! Un’altra piccola perla di questo lembo di costa e che rimembra di un mondo scomparso e sommerso. Il suo nome deriva da “Pictish” in gaelico scozzese. “Pit” sta per Pictish, con riferimento alla popolazione celtica dei Pitti, “pett” sta per porzione di terra ed “enweem”, (in gaelico scozzese na h-Uaimh), sta per delle grotte, ossia “posto delle grotte”.

Il suo nome, Pittenweem, fa riferimento anche alla grotta di St. Fillan di Covy Wynd, utilizzata come cappella da alcuni missionari del VII secolo. Si ritiene che uno dei monaci fosse in grado di fare miracoli. L’accesso alla grotta avviene tramite un cancello chiuso, la cui chiave si può chiedere nella casa vicina (come troverete scritto nel cartello).

Insieme ad un altro piccolo villaggio del Fife, Elie, Pittenweem è stato scelto nel 1997 come location per la realizzazione del film L’ospite d’inverno (The winter guest), ma la costa del Fife non ha inverni tanto rigidi con gelo e ghiaccio così come rappresentato nel film.

Un piccola curiosità è che questo pittoresco villaggio è stato il luogo di nascita Ian Stewart musicista tra i fondatori del gruppo Rolling Stones!

scozia 2014 Ivan_2324

St.Monans è un piccolo villaggio pittoresco che mi ha rapito il cuore, anche se per buona parte della nostra visita tirava un vento così freddo e gelido che abbiamo solo potuto immaginare, come dovevano sentirsi i pescatori in mezzo al mare del Nord ! Avevamo le mani e la faccia congelate, ma niente ci ha fermati e alla fine siamo stati premiati da un tiepido sole che ha illuminato i prati e gli edifici circostanti.

 

 

 

Si trova a circa 5 km a ovest da Anstruther. La parte vecchia del villaggio è situata su una collina che guarda sul Firth of Forth, con vista su North Berwick, Bass Rock e l’Isle of May.  Saint Monans ha diversi edifici storici e alcuni ex mulini a vento che possono essere visitati, oltre a una chiesa del XIV secolo. Davvero una chicca. Da uno di questi mulini si estraeva il sale, dopo che le acque del mare, avevano inondato la terraferma.

scozia 2014 Ivan_2315

Prende il nome da un Santo del luogo, che dimorava in una grotta e che fu ucciso dai pirati (o così si narra). Molto bella la chiesa parrocchiale che risale al 1362, voluta da Re David II, come ringraziamento agli abitanti di St. Monans per averlo salvato da un naufragio.

101_0423

Elie e Earlsferry sono una meravigliosa destinazione balneare per tutta la famiglia. La lunga spiaggia sabbiosa di Elie offre eccellenti attività e si erge meraviglioso l’Elie Ness lighthouse, immerso nel verde e imponente sopra le rocce, a picco sul mare.

Elie e Earlsferry sono città costiere ed ex borghi reali nel Fife, sulla costa settentrionale del Firth of Forth, otto miglia ad est di Leven. Il Burgh (parola che sta per città con autonomia amministrativa) comprendeva i villaggi collegati di Elie e Earlsferry, che si fusero formalmente nel 1930. Earlsferry, è il più antico dei due villaggi. Si dice che MacDuff, Earl of Fife, attraversò il Forth proprio qui nel 1054, mentre fuggiva dal re Macbeth. In particolare, la leggenda racconta che la sua fuga fu aiutata dai pescatori locali, un atto che avrebbe promosso il villaggio allo stato di burgh reale, grazie all’influenza di MacDuff su Malcolm III. Verso la metà del XII secolo gli Earls of Fife istituirono un traghetto per l’uso dei pellegrini in viaggio verso il santuario di Sant’Andrea. Il traghetto attraversava il Firth of Forth a North Berwick, una distanza di 7 miglia, ed è proprio questo traghetto che ha dato origine al nome di questo luogo. Ci sono i resti di una piccola cappella, costruita per l’uso di questi pellegrini. Non si sa esattamente quando Earlsferry diventò un Royal Burgh, poiché la carta originale fu distrutta in un incendio. Divenne un porto commerciale per i mercanti e lo rimase fino al XVIII secolo ed era anche un importante punto di ritrovo dei pellegrini provenienti da sud per St Andrews. Nel 1589 è stata concessa una nuova carta. Non si conosce molto sulla fondazione di Elie, ma era diventato sufficientemente importante per merito della costruzione della chiesa parrocchiale nel 1639. Il suo porto era più riparato di quello di Earlsferry e cominciò a sottrarre commercio da Earlsferry.

101_0422

Elie ha una chiesa parrocchiale insolita con un’alta torre ottagonale. All’angolo esterno del muro della chiesa, sorge il memoriale di guerra del paese. ‘Elie Castle’ è un’interessante casa colonica vernacolare di Scozia, situata vicino alla linea di galleggiamento. Superficialmente risale in gran parte agli inizi del XVII secolo, ma contiene elementi più antichi probabilmente del XV secolo. La vicina High Street presenta molte case del XVII secolo in buono stato, con curiose porte. Agli inizi del 20° secolo si stava pensando di costruire un faro su Elie Ness, un promontorio di terra sulla costa nord del Firth of Forth, tra l’Isola di Maggio e Inchkeith.

101_0412

Il faro è meraviglioso e si trova in una posizione panoramica meravigliosa e unica. Se arriverete lì in una bella giornata soleggiata, fermatevi sulla panchina proprio al di sotto di esso e guardate il panorama, rilassatevi e fatevi avvolgere dal rumore del mare e dai suoni dei gabbiani!

 

 

 

Vi suggerisco di fermarvi, anche in uno solo di questi piccoli e pittoreschi villaggi che vi regaleranno immagini di una Scozia che difficilmente potrete dimenticare!

Famosa è anche la Fife costal Path , se vi siete persi l’articolo in cui ne parlo, lo trovate qui.

Qui vi lascio un video stupendo sull’East Neuk of fife! Ricordatevi di mettere un like, se vi è piaciuto l’articolo 🙂

Le foto che non sono di mie, sono del mio amico Michael Docherty che ovviamente ringrazio !!

9 comments on “East Neuk of Fife ed i pittoreschi villaggi dei pescatori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...