Scottish Flag & St. Andrews Cross

One comment

saltire-1070039_640

La bandiera nazionale della Scozia è caratterizzata da una Crux decussata (o croce decussata), che rappresenta la croce del martirio dell’Apostolo Sant’Andrea (il Santo patrono della Scozia), disegnata su un campo di colore blu.

La Bandiera della Scozia (in gaelico scozzese: bratach na h-Alba, conosciuta anche come Cross of St. Andrew o Saltire, è la Bandiera della Scozia.

La sua storia

La bandiera scozzese risale al IX secolo ed è una delle più vecchie bandiere del mondo, oltre che la più vecchia ancora in uso da parte di una nazione.

Secondo la leggenda, l’apostolo cristiano e martire Saint Andrew, il santo patrono della Scozia, fu crocifisso su una croce a forma di X a Patrasso, in Grecia. Un’altra leggenda sostiene invece, che Andrea si sentiva indegno di essere crocifisso su una croce che somigliasse a quella dove morì Gesù Cristo e che quindi, per questo motivo, appoggiò la croce in diagonale. L’uso dell’iconografia del suo martirio, mostra l’apostolo legato a una croce a forma di X, appare per la prima volta nel Regno di Scozia nel 1180 durante il regno di Guglielmo I. E’ stata nuovamente descritta su un sigillo usato nel tardo XIII secolo, tra cui uno usato dai Guardiani della Scozia, datato 1286. Un altro esempio del suo uso, è noto come “la coperta blu dei commercianti di Edimburgo”, probabilmente voluto dalla Regina Margherita, moglie di Giacomo III, che mostra una croce bianca su un campo azzurro.

scozia-2014-ale_1423

La leggenda che circonda l’associazione della Scozia con la Croce di Sant’Andrea è legata a Walter Bower e George Buchanan, che affermano che la bandiera si originò a seguito di una battaglia del IX secolo, nella quale Óengus II (re Angus) radunò tribù di Scoti e Pitti, e si scontrò in battaglia con gli Angli nella terra orientale di Lothian, rimanendo in poco tempo accerchiato dalle forze nemiche. Egli pregò la notte prima della battaglia per redenzione e disperazione e giurò che se avesse vinto, avrebbe nominato Sant Andrea patrono della Scozia. In sogno, quella notte, Sant’Andrea (martirizzato anni prima, proprio su una croce decussata) apparve a Re Angus, assicurandogli la vittoria. Il giorno seguente apparve una X bianca in cielo, che incoraggiò le tribù scozzesi e intimorì i nemici, che pur essendo inferiori in numero, vinsero la battaglia di Athelstaneford. Da quel giorno la Scozia non avrebbe mai cambiato bandiera.

Un’altra leggenda afferma che le reliquie del Santo siano state portate da Patrasso in Grecia fino a Kinrymont nel Fife, nel quarto secolo, da St Regulus, dopo che fu ucciso sulla costa orientale. La chiesa di Kinrymont divenne la cattedrale di St Andrews e divenne presto un importante centro per il pellegrinaggio medievale.

Tralasciando queste leggende, ci sono documenti storici certi del 1385 riferiscono che i soldati scozzesi dovevano indossare una divisa con una croce decussata ben marcata, su ordine del Parlamento scozzese.

Il primo riferimento alla Croce di Sant’Andrea come bandiera si trova nel Vienna Book of Hours, nel 1503 circa, in cui è raffigurata croce bianca, con uno sfondo rosso. Nel caso della Scozia, si dice che l’uso di uno sfondo blu per la croce di Sant’Andrea risalga a partire dal XV secolo, con la prima illustrazione certa di una bandiera che raffigura tale apparizione in Sir David Lyndsay nel registro delle Armi scozzesi.

Uso

scozia 2014 Ale_1490

 

Dato che la Scozia è una nazione che non ha uno status di sovranità né di completa indipendenza, ma fa parte del Regno Unito, l’uso della bandiera scozzese è molto frequente ma spesso limitato a certe occasioni. La bandiera statale, infatti, ufficiale della Scozia in quanto parte del Regno Unito è la Union Jack.

Si può spesso vedere la Bandiera scozzese accanto a quella britannica e quella europea davanti al Parlamento di Edimburgo

Ci sono cinque aste all’esterno dello Scottish Parliament Building di Edimburgo. La croce di Sant’Andrea è esposta ogni giorno, assieme alla Union Flag e alla bandiera dell’Unione Europea. La quarta asta viene utilizzata in occasioni speciali come il Commonwealth Day e lo United Nations Day, mentre la quinta per esporre, quando è previsto, il Royal Standard.

Il governo della Scozia ha decretato che la bandiera nazionale venga esposta ogni giorno su tutti i suoi edifici dalle 8 del mattino fino al tramonto. Unica eccezione nei “National days” (giorni nazionali), nei quali il Saltire deve essere tolto e sostituito dalla Union Flag. Questi giorni sono quelli stabiliti dal governo centrale britannico, con l’eccezione del 3 settembre (Merchant Navy Day), uno specifico flag day (giorno della bandiera) in Scozia durante il quale dovrebbe essere utilizzata anche la Red Ensign. Altra differenza rispetto al resto del Regno Unito avviene il giorno di Sant’Andrea, quando la Union Flag viene esposta soltanto dove ci sono più aste disponibili, altrimenti l’unica bandiera esposta sarà quella scozzese! Era impensabile che nel giorno del Patrono della Scozia, non venisse esposta la loro bandiera! Questa novità nacque da una richiesta  fatta dai membri del Parlamento scozzese, che lamentarono che la Scozia fosse l’unica nazione nel mondo a non poter esporre la propria bandiera durante il suo giorno di festa nazionale. Da quel momento in avanti, le cose cambiarono.

Il Castello di Edimburgo, gestito dalla Historic Scotland, ospita però ancora una divisione militare della British Army. Come in tutte le basi dell’esercito britannico, viene esposta la Union Flag, ogni giorno dalla Torre dell’Orologio. Anche la bandiera scozzese viene esposta quotidianamente, ma alla Half Moon Battery. L’uso della Union Flag nel castello ha provocato varie controversie in passato. Nel 2001, un gruppo di 20 deputati dello Scottish National Party chiesero espressamente la sostituzione della bandiera britannica con quella scozzese.

La bandiera può essere esposta in ogni momento da privati, dalle compagnie, dalle autorità locali, dagli ospedali e nelle scuole. Non c’è bisogno di permessi accordati dalle autorità competenti per issare la bandiera su un’asta verticale.

In anni recenti, inoltre, le ambasciate del Regno Unito hanno esposto il Saltire durante il giorno di San Andrea.

Il suo Design

scotland-2132736_640

 

Il termine araldico per una croce a forma di X è “saltire”, dalla vecchia parola francese “saultoir” o “salteur” (che derivata dal latino saltatorium).

Nell’arco della storia l’azzurro della bandiera è spesso oscillato da gradazioni più chiare ad alcune più scure, solitamente da colori vicino a quello del cielo a quelli tipici delle armate di mare britanniche. Ciò derivata probabilmente dalle tinte che erano disponibili al momento. Quando la bandiera scozzese entrò a far parte della bandiera del Regno Unito, fu utilizzato il blu marino presente nella Blue Ensign, che a sua volta si rifaceva allo storico Blue Squadron della Royal Navy.

Sebbene questo “blu marino” fu usato all’inizio per la Union Flag sul mare, ben presto divenne il colore standard anche per le altre Union Flags, sia per terra ferma che in mare. Alcuni produttori di bandiere adottarono questo tipo di blu anche per la bandiera semplice scozzese, mentre altri si attennero all’azzurro del cielo, più attinente alla leggenda di Angus, altri ancora preferirono un blu reale. Il risultato è la presenza di una quantità di bandiere scozzesi diverse tra loro che si è protratto fino al XXI secolo.

Nel 2003, una commissione del Parlamento scozzese si riunì per esaminare una petizione secondo la quale l’esecutivo scozzese doveva adottare il Pantone 300, come colore ufficiale. Dopo vari studi e numerose consultazioni di fonti storiche autorevoli, tra le quali l’ufficio del Lord Lyon King of Arms, la commissione raccomandò che si adottasse, come soluzione migliore, la tonalità di blu Pantone 300. Dopo l’adozione ufficiale di questo colore, le versioni più recenti di bandiere scozzesi fabbricate mostrano in gran parte questa tonalità.

Non ci sono proporzioni ufficiali fissate, ma generalmente sono diffuse le seguenti: 5:4, 5:3 o 3:2. La croce, invece, dovrebbe avere una larghezza di 1/5 (circa il 20%) dell’altezza del lato della bandiera.

Nel prossimo articolo vi parlerò invece della bandiera scozzese non ufficiale, ovvero del Leone Rampante (lo stendardo, ancora oggi utilizzato un pò ovunque in Scozia).

 

1 comments on “Scottish Flag & St. Andrews Cross”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...