St Conan’s Kirk

nessun commento

St Conan’s Kirk, si trova in un luogo spettacolare a ridosso di Loch Awe, nell’area di Argyll e Bute. E’ situato su una falesia in alto sopra l’acqua, in mezzo alla vegetazione ricca di rose, caprifoglio ed edera ed è circondato da grandi alberi. È stato istituito come una cappella di facilità dai Campbell di Innis Chonan. Resterete increduli, quanto tra i folti alberi, camminando per avvicinarvi, la vedrete pian piano comparire davanti ai vostri occhi. Una piccola gemma racchiusa tra pace e tranquillità.

st konan kirk 4
St Conan’s Kirk, vista da Nord

Si dice che la vista dalla terrazza sia una delle più belle delle Highlands occidentali, ed è stato questo particolare a far scegliere questo luogo come sito della chiesa. Subito sotto ci sono le acque di Loch Awe. Lontano a nord-est, oltre il castello di Kilchurn sorge Ben Lui, con le cime innevate per metà dell’anno, che domina le tre grandi valli di Lochy, Orchy e Strae. A destra, sul lato opposto del lago, c’è il fitto promontorio boschivo di Innistrynich, sito di un antico monastero. Un pò più vicino, due isole scure: la roccaforte dei MacNaughton, e dietro queste Innishail, l’isola verde, che era da centinaia di anni era il cimitero della gente di Loch Awe. Più a destra ancora, un’altra isola scura vicino alla riva, Innischonain, la casa dei Campbell.

20776714_1514717878616431_5595013171727117892_o
Il coro e l’abside – foto: Lindsey Renton

St Conan Kirk è nota anche per la cappella dedicata a “Robert the Bruce”, re di Scozia; infatti qui si trova un frammento di un suo osso.

Ecco un video che vi guiderà passo passo allo scoperta di questo magico luogo, mentre lo andrete ad esplorare, così accuratamente conservato:

Architettura e accessori

È stato progettato dall’architetto Walter Douglas Campbell e costruito tra il 1881  e il 1886. Nel 1870 fu costruita una nuova linea ferroviaria lungo la sponda settentrionale del Loch Awe, che collegava Dalmally e Taynuilt. Douglas Campbell ha approfittato di un facile accesso al lago, per acquistare l’isola di Innischonan e costruire una villa per sé, sua madre e sua sorella Helen. La tradizione suggerisce che la madre di Campbell trovasse il viaggio in carrozza verso la chiesa di Dalmally troppo stancante, così Campbell decise di costruire una nuova chiesa sulla riva per compiacerla. Questo diede orgine a St. Conan Kirk.

st konan kirk 3
St Conan’s Kirk, vista da Sud

I lavori per una piccola chiesa cruciforme iniziarono nel 1881 e situata dove si trova la navata dell’attuale chiesa; fu completata nel 1886. Ma non passò molto tempo prima che decidesse di creare qualcosa di molto più elaborato e grandioso. Nel 1907 iniziò i lavori e ricostruì interamente la struttura precedente. Campbell morì nel 1914 prima di poter vedere il suo capolavoro. Il lavoro fu portato avanti prima da sua sorella Helen, morta nel 1927, e poi dai loro beneficiari che la ultimarono nel 1930, quando l’edificio finalmente venne consacrato.

Per costruirla fu necessario tanto tempo, perché nessun operaio fu chiamato da fuori e tutto il lavoro fu eseguito localmente. Nessuna pietra per la chiesa fu estratta ma, furono usati massi trovati sulle pendici della collina sopra il lago, rotolati giù fino al cantiere e modellati sul posto. Campbell fu l’architetto, progettando un edificio unico che sfidava gli ordinari stili. Walter Campbell era un uomo dai molti talenti: un architetto abilissimo, un collezionista di oggetti d’arte e un abile intagliatore di legno. Sebbene la maggior parte del kirk sia in stile normanno o romanico, egli incluse non solo i tipi precoci e tardivi di questi stili, ma altri totalmente diversi. Era più ansioso di raggiungere la bellezza che la coerenza. Si dice anche che abbia deliberatamente cercato di includere esempi di ogni tipo di architettura ecclesiastica trovata in Scozia e, questo è forse confermato dal circolo di Standing Stones al cancello d’ingresso.

sk konan kirk porta rosa

Ecco una mappa che vi permetterà di orientarvi sulla struttra del Kirk:

Saint Conan s Kirk Loch Awe
Mappa di St Conan’s Kirk

Il Kirk consiste di una navata e un presbiterio, con le tribune del coro che sono coperte. Grandi massi di granito non levigati, provenienti dalla vicina Ben Cruachan, formano i moli che portano l’arco del presbiterio ed i transetti formano la Croce Sacra. C’è anche una torre e una guglia. I raccordi includono un piccolo organo. Una vecchia finestra della chiesa parrocchiale di South Leith fu riutilizzata a St Conan’s.

st konan kirk particolare2

Valeva la pena aspettare che il Kirk fosse completo, perché St Conan’s è uno dei più incoraggianti e straordinari edifici del primo Novecento nell’ovest della Scozia. È difficile caratterizzare lo stile; l’interno è pieno di luce e oscurità, con spazi aperti e ombre profonde. Pezzi di intaglio provenienti dall’abbazia di Iona sono costruiti nella parete nord della navata sud. Questo Kirk non lascia quasi mai indifferenti: c’è chi lo ama e lo trova suggestivo e chi invecelo trova troppo ricco di stili e confuso.

La cappella di Bruce

Una delle caratteristiche più intriganti della chiesa è la Cappella di Robert The Bruce, dominata da un’effigie di re Robert, con le mani e il viso di alabastro e il resto del corpo scolpito in legno. L’effigie giace in cima a una tomba dell’altare e nella tomba è incastonato un ossuario contenente una delle ossa di Bruce, prelevate dal suo scheletro all’Abbazia di Dunfermline. La posizione dei resti del re qui a LochAwe non è casuale, perchè Bruce vinse una delle sue più importanti vittorie durante le guerre di indipendenza, nel passo di Brander, che si trova in alto sopra il lago. 

conan kirk valentina
foto – Valentina Vantaggiato

La prima porta che si incontra entrando, conduce attraverso la torre nella navata, ma il modo migliore per raggiungere il kirk è attraverso la porta che conduce ad una delle tante sorprese di St Conan, il Chiostro Garth. Un tempo era una caratteristica comune dei monasteri, Campbell lo ha riprodotto per ricreare una cosa bella, infatti, questo chiostro in miniatura è un vero gioiello. Si ritiene che le pesanti travi di quercia del chiostro provengano dalle cacciatorpediniere della HMS Caledonia e HMS Duke of Wellington, due navi da guerra. Il legno di queste navi da guerra è stato utilizzato anche per le porte e alcuni dei tetti dell’edificio principale.

st konan kirk
Arco dal chiostro

Dal chiostro si può attraversare un grazioso arco fino alla navata nord e da lì procedere alla navata e al coro. A seconda della luce, una delle viste più magnifiche all’interno del kirk è il coro dell’abside, con le sue alte finestre trasparenti, alcune delle quali portano fino al tetto. In piedi da solo nell’abside, c’è il tavolo della comunione in quercia.

st konan kir patio interno
Il Chiostro

Nelle arcate ci sono due “casseforti mortali”, le griglie di ferro usate all’inizio del secolo scorso per proteggere le tombe dai saccheggiatori, uomini scavavano nei posti dove di recente erano stati sepolti i corpi per trafugarli e rivenderli alle scuole mediche per la dissezione.

Gli spazi più ampi all’interno del South Aisle sono bilanciati da una selezione di cappelle più piccole: la St Conval’s Chapel e la St Bride’s Chapel. St Conval era noto come “Confessor”, nato in Irlanda ha fatto il suo primo sbarco in Scozia in quel luogo. La leggenda narra che, invece di navigare attraverso la barca nel modo ordinario, fu trasportato miracolosamente attraverso il mare su una grande pietra piatta. L’effigie dello stesso Walter Campbell si trova nella cappella di San Conval e sia lui che sua sorella, sono sepolti in una tomba di famiglia, sotto la cappella.

St Bride’s Chapel contiene la tomba del quarto Lord Blythswood, che contribuì a portare avanti il lavoro dopo che Walter e sua sorella morirono. Questa cappella è in stile normanno molto antico e contiene due lastre di marmo su cui c’è una curiosa piccola storia. Sebbene provenissero dal Mediterraneo, furono sagomate e levigate da qualche parte vicino a Lovanio. La prima arrivò sul lato di Loch Awe nell’estate del 1914, ma per avere la seconda si dovette attendere fino alla fine della I Guerra Mondiale; solo allora si potè riunire alla sua vicina. Sul lato sinistro di questa cappella si trova un piccolo e basso portale sassone, che si apre in una stanza altrettanto minuta che Walter Campbell fingeva che fosse la cella di San Conan stesso. Entrambe queste cappelle sono protette porte in ferro battuto molto belle, recanti le iniziali e i distintivi di coloro che vi giacciono al di sotto.

Più a ovest c’è la cappella di St Fillan’s Aisle e quella di Robert the Bruce. San Fillan è qui rappresentato perché, non solo era il santo patrono di Killallan vicino a Inchinnan ma anche di Strathfillan, la parrocchia che si trova dietro Ben Lui a nord di Glenorchy. In questo corridoio è degna di nota la finestra di McCorquodale, eretta in memoria di un vecchio amico della famiglia Blythswood. A differenza di altre vetrate colorate, questa era già inclusa nell’edificio più piccolo. Originariamente era installata sul lato opposto della chiesa, ma lo sfondo delle colline e degli alberi non rendeva pienamente giustizia alle vetrate, così, quando il Kirk venne ristrutturato Campbell decise di spostarla qui.

Di fronte trovaimo la cappella di Robert The Bruce. Degna di nota è l’effigie di Robert, più grande del normale e scolpita in legno con il viso e le mani in alabastro. L’effige è opera del famoso scultore di Edimburgo, il signor Carrick, che è anche l’autore della figura di San Conan fuori dalla chiesa e del War Memorial al cancello d’ingresso. Sotto la figura, lasciato nella base, c’è un piccolo ossario che contiene un osso del Re stesso, tratto dall’Abbazia di Dunfermline. La pietra di Iona nel South Aisle, è la pietra più antica e forse la più bella di tutto il kirk e forma la vetrata della cappella di Bruce. In origine era la finestra della St. Mary’s Church, nel South Leith, costruita nel 1483. Quando questa chiesa fu ricostruita verso il 1836, la vecchia finestra fu demolita e rimase per molti anni in un giardino di Edimburgo, finché Mr. Campbell non la salvò e la incorporò in St. Conan’s.

particolare bruce
Effige di Robert The Bruce

Con la luce che penetra dalle finestre poste dietro, il viso e le mani di Robert acquisiscono una traslucenza che conferisce all’effigie un aspetto molto realistico.

st konan kirk bruce chapel

All’interno della curva dell’abside si trova il tavolo della comunione, realizzato in massello di rovere. Ancora una volta gli artigiani sono stati trovati localmente e sono ancora rappresentati nel villaggio. Il legno da cui era scolpito questo tavolo, pesava oltre settecento chili. Anche nel presbiterio ci sono ulteriori prove del talento di Mr. Campbell come collezionista; tra queste una vecchia sedia di Greyfriars, a Edimburgo e una sede della vecchia chiesa di Corstorphine. Le sedie Dolphin venivano probabilmente dall’estero, forse Venezia.

Una porta del South Aisle conduce al livello superiore dei giardini, che si estendono verso il basso e verso l’esterno dal lato sud della chiesa, verso Loch Awe. Questi offrono interessanti viste sul lago, ma sono più interessanti per i panorami che offrono sul lato sud di St Conan, che è unico nel suo genere.

675px-St_Conan's_Kirk_Hare_Downspout
Credit della foto

E quando ammirate le guglie, le torri e le torrette, tenete d’occhio gli incredibili dettagli: le teste dei conigli di metallo, usate come beccucci nel sistema di drenaggio sono davvero particolari, anche se troverete anche gufi di pietra scolpiti (foto che vi ho messo sopra).

Chi era St Conan

Andando a pochi metri oltre la meridiana che troneggia sullo scintillante loch awe, potrete vedere la figura di San Conan in persona che guarda attraverso il lago, verso le montagne.

geograph-3078216-by-Alan-ODowd
Alan O’Dowd photo credit

San Conan è il Santo patrono di Lorne e si ritiene che abbia vissuto a Glenorchy. C’è un pozzo che prende il suo nome dal lato opposto di Dalmally. Era un discepolo, anche se non un contemporaneo, di Columba e come lui proveniva dall’Irlanda. Da giovane fu scelto come tutore per i due figli del re di Scozia e, alla fine divenne un vescovo.

st conan cameron morrison
Camoron Morrison – Scenic Scotland

Più interessanti dei fatti storici sono alcune delle leggende che sono cresciute intorno al suo nome. Una di queste ha dato origine ad un vecchio proverbio delle Highland: “Na, na, fair play, paw for paw,”.

Come molti dei santi celtici, San Conan non aveva paura di incontrare il Diavolo faccia a faccia. In un’occasione il santo e “The Deil” si incontrarono per discutere il destino delle anime del popolo di Lorne. Lo fecero in modo del tutto professionale, poiché li divisero in tre categorie: i “veramente buoni”, i “veri e propri cattivi” e i “mediocri”. I buoni dovevano essere per il santo, i cattivi per il Diavolo ed i mediocri dovevano essere condivisi equamente. Questa condivisione doveva essere fatta allo stesso modo disegnando a turno. Tutto andò liscio come previsto finché, il Diavolo non si eccitò e allungò la mano quando fu il turno del santo. Ma St Conan non ne voleva sapere; batté il Diavolo sulle nocche, esclamando: “Na, na, fair play, zampa per zampa”, ed è questa frase che è passata nell’uso proverbiale.

st konan kirk targa

Alcune curiosità:

  • La croce celtica che vedete ergersi tra gli alberi e la vegetazione fu eretta in memoria della madre di Campbell;
  • La parte ovest del kirk ospita una tavoletta con le iniziali di Walter Douglas Campbell e sua sorella Helen ed il Lymphad di Lorne, caratteristica delle armi di Campbell;
  • Sotto la cappella di St Conval si trova la volta che contiene i resti dei fondatori, Walter Campbell e sua sorella;
  • La figura sulla tomba è quella di Walter Campbell stesso;
  • La cappella della St Bride contiene la tomba del quarto Lord Blythswood, che aiutò a portare avanti il ​​lavoro, dopo che Walter e sua sorella morirono entrambi;
  • All’estremità del corridoio ci sono due vetrate colorate. La prima di queste contiene i blasonati della Royal Arms con quelli di Argyll, ed è in memoria di H.R.H. La principessa Luisa, figlia della regina Vittoria e moglie del nono duca di Argyll.
  • La Cappella di Bruce deve la sua origine al fatto che Re Robert, si trovava sulla collina proprio sopra il kirk, quando spedì una colonna di soldati in agguato, sotto il Conte di Douglas, che inflisse una sconfitta decisiva a Giovanni di Lorne e ai suoi clan, nel Passo di Brander.
st konan kirk coro
Platea del coro
  • I posti del presbiterio sono scolpiti in castagno spagnolo e mostrano stemmi pieni, completi di distintivi dei capi, che nei vecchi tempi possedevano terre nel vicinato
  • In alto sopra lo schermo c’è una bella finestra dipinta con figure di angeli e cherubini che Helen Campbell ha disegnato e dipinto con le sue mani
  • La chiesa non ha fondamenta di livello ma, si aggrappa alla ripida collina, con il risultato che la parete sud è arroccata su terrazze e muri di contenimento che scendono molto al di sotto del livello del pavimento. Fu su questa nobile facciata che il costruttore diede davvero sfogo alla sua immaginazione e creatività. Si dice che abbia trascorso lunghe ore qui, immaginando il bellissimo edificio che doveva essere costruito. Il ricordo delle lunghe giornate spese in questo luogo ha ispirato le iscrizioni sul quadrante: “Il giorno albeggia e le ombre fuggono”, e sul parapetto circostante: “Il tuo sole non andrà più giù”. Campbell era meticoloso e fissato con i dettagli; si narra che per porre la meridiana esattamente come desiderava, la eresse e tirò giù sette volte, prima di essere soddisfatto.
st konan kirk interno
La navata
  • A sinistra sul tetto ci sono tre gargoyle, che rappresentano un cane che insegue due lepri. Questi sono esempi meravigliosi di piombo moderno dello stesso artigiano, William Bonnington, che ha eseguito i tetti del Chiostro Garth. I suoi discendenti vivono ancora nel villaggio.

Indicazioni per la visita

Saint Conan’s Kirk è situato nel villaggio di Loch Awe, sulla A85 tra Dalmally e Oban.
Si trova a 20/30 minuti di macchina dai vicini Oban, Crianlarich e Inverary, a un’ora e mezza da Fort William, Dunoon e Glasgow ed a 2 ore da Edimburgo.

Saint Conan s Kirk Google Maps

Il Kirk è aperto tutto l’anno:
Estate 09:00 – 18:00, Inverno 9:00 – 17:00

N.B. Ringrazio Marcello Faraci per molte delle foto che potete ammirare, scattate durante il suo recente viaggio di nozze e Valentina Vantaggiato per la foto della Cappella, suggestiva ed emozionante.

N.B. Un ringraziamento speciale va a: Cameron Morrison, per la foto stupenda che mi ha concesso, vi invito a visitare la sua pagina facebook, Scenic Scotland e Lindsey Renton, che ha colto i dettagli della luce in un modo unico; vi lascio anche qui il link della sua pagina facebook Miss Farnaby’s Travels.

Come sempre vi ricordo che tutte le foto sono di proprietà di Ale Carini 2017 (Ally Blue) e di Ivan Balducci o concesse in uso dai legittimi proprietari. © all right reserved.

Non dimenticate di mettere un like, se l’articolo vi è piaciuto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...