Inverness: mini guida su dove mangiare

2 commenti

Se siete in giro per Inverness, la città che apre le porte e vi da il benvenuto nelle spettacolari Highlands, ecco una mini guida su dove mangiare. Tutti i consigli sono ricavati dai nostri viaggi e suggerite dagli iscritti al gruppo “Scozia on the road”, che ringrazio tutti! Spero possa tornarvi utile!

Se volte saperne di più su cosa visitare ad Inverness, potrebbe interessarvi questo articolo.

the mustard seed
The Mustard seed – Foto credit
The Mustard Seed, al 16 Fraser Street. Se siete alla ricerca di una di location particolare, questo ristorante potrebbe fare al caso vosto. Ha aperto i battenti nel 1995 ed è presto diventato uno dei preferiti di Inverness. Si trova lungo le rive del fiume Ness, in un ex edificio religioso, che contribuisce a creare un’atmosfera unica.
La trasformazione dalla ex-chiesa in disuso, nell’attuale ristorante, ha creato uno ambiente davvero particolare ed un magnifico fuoco a legna, riscalda l’ambiente e crea una certa atmosfera. Molte delle caratteristiche originali sono state mantenute e combinate con uno stile più moderno. E’ stata aggiunta una terrazza all’ultimo piano, che permette di cenare all’aperto e di godere di una gradevole vista del fiume. Gradita la prenotazione, specie in periodi di alta stagione o a ridosso di eventi spaciali come il Natale, altrimenti rischierete di fare come noi e non trovare posto, quindi dopo una fugace occhiata che ve lo farà adorare, sarete costretti ad andare via.
anelli di cipolla
Hootananny Pub – Laura Bertazzini
Hootananny Pub, musica tradizionale scozzese dal vivo, in un ambiente caldo e accogliente; fanno uno degli Haggis più buoni di tutta la Scozia e fantastici onion rings! In effetti devo dire che l’ambiente non è niente male.
zuppa del giorno
Velocity cafe un locale accogliente e con cibo locale, dolci fatti a mano e zuppe fumanti. Il posto ideale per gustare un tea. Una curiosità su questo caffè è che offrono corsi serali di manutenzione per le biciclette !
the waterfront - inverness
Foto credit – google maps
The Waterfront, sul lato opposto del fiume rispetto al Mustard seed, quindi sempre con viste bellissime sulla città. Il simpatico motto di questo locale è: ”Nessun estraneo entra qui, solo amici che dobbiamo ancora incontrare”. Voi ci siete stati?
The Gellion pub, è il più antico pub di Inverness presente dal 1841, situato vicino al fiume, su una strada che è stata spettatrice di molti eventi storici. Servono la cena fino alle 19.30/20, non ricordo bene. Molto caratteristico, è uno di quei posti non turistici, se vi piace il genere. Quando lo vedrete da fuori, non vi attirerà ad entrare, non sembra nulla di eccezionale, invece è proprio il caso di dire che “l’abito non fa il monaco”.
the gellions
Foto credit
Situato alle porte di Bridge Street e Church Street, The Gellion’s si trova nel cuore della storica capitale delle Highland. Musica dal vivo, intrattenimento notturno, ottime birre e whisky. Inoltre potrete giocare a freccette (quanto mi piace!), guardare lo sport o giocare a domino con “Monty” stesso.  Nella parte inferiore di Bridge Street si trova il Ness Bridge, il più recente dei molti ponti che sono stati distrutti e ricostruiti dopo le innondazioni o le riqualificazioni. Questo ponte aprì nel 1961 e portò alla demolizione del lato sud di Bridge Street e dell’Ettles Hotel, dove soggiornò il poeta Robert Burns nel 1787. Robert Burns non fu l’unico famoso poeta a visitare questa strada; il peggiore poeta del mondo, William Topaz McGonagall (omonimo del ristorante Inverness Steakhouse) ha alloggiato al Gellions Hotel, dove ha recitato i suoi lavori all’Heather Blend Club. Questa breve strada ha visto nel corso dei secoli molti andirivieni storici. La bellissima Mary Queen of Scots, ha soggiornato nei pressi del Gellion’s, dopo che il Governatore, schierato con la sua opposizione, non le permise di varcare l’ingresso del castello. Mary, radunò i clan locali, catturò il castello e quindi impiccò il Vice Governatore. Dopo la sua cattura per tradimento ad Assynt, il brillante leader James Graham Marquess di Montrose, passò su Bridge Street per essere giustiziato a Edimburgo nel 1650.
the kitchen - inverness
The kitchen – foto credit
The Kitchen, collegato al The Mustard Seed, al 15 Huntly Stree. Aperto nel 2007 e con vista sul castello di Inverness, carino e caratteristico.
Cafè Artysan’s vicino alla stazione, aperto dalle 9 alle 16; ottimo per colazione, caffé e tea.
The Eden Court, il cinema/teatro sul fiume, appena passata la cattedrale. Hanno un ristorante e un caffè, ma noi non ci siamo mai stati ancora, a voi è piaciuto?.
Cafe One dietro al castello, ci hanno detto che un luogo discretamente elegante, ma non sappiamo quanto costi la cena. Avete già sperimentato? Commentate qui sotto!
mcgonagalls.jpg
McGonagall’s Steakhouse, buona carne e possibilità di assaggiarla anche senza “dressing” o “tapping”, gestito dagli stessi del The Gellion pub, come vi ho già accennato. Deve il suo nome a William Topaz McGonagall, nato in Scozia nel 1825. Pur essendo acclamato come il peggior poeta della storia britannica, ha scritto oltre 200 poesie. Nel corso della sua vita, McGonagall ha fatto una campagna contro il bere eccessivo, apparendo nei pub e nei bar per recitare poesie e discorsi. Ha costantemente lottato con i soldi ma, guadagnato abbastanza per sopravvivere, vendendo le sue poesie per le strade o recitandole nei teatri e nelle case pubbliche. Anche J.K. Rowling è stata attratta da questo nome; si dice infatti che passeggiando tra le tombe di Greyfriars Kirkyard (Edimburgo) si sia imbattuta nella lapide di McGonagall,  dando il suo cognome al personaggio della professoressa Minerva McGonagall (per noi la McGranitt). Per saperne di più, clicca qui.
The Auctioneers per un panino veloce, menù del giorno e sport
Shapla, suggerito dalla nostra amica Consuelo, se vorrete mangiare indiano con vista sul fiume. Le recensioni sono un pò contradditorie, a lei è piaciuto; qualcuno di voi c’è andato per caso?

Nourish, invece ci è stato suggerito da un’altra nostra amica, per chi mangia vegetariano ed ha anche prodotti biologici.

Se volete dello street food italiano c’è Buonissimo proprio in centro, sull’high street, servono anche una buona colazione.
Fig & Thistle, abbastanza famoso e rinomato, anche se ci hanno detto che ultimamente si mangia bene, ma non è nulla di particolare.
inverness cibo
Girvans – Aida Chianiello
Girvans, ottima cena a base di pesce fresco e buona selezione di birre. Chi c’è andato di recente ci ha detto che si sta davvero benissimo.
Per saperne di più su cosa visitare ad Inverness e dintorni, potete leggere il mio precedente articolo qui.
Ringrazio tutti i membri di “Scozia on the road”, che hanno collaborato alla realizzazione di questo articolo, facendoci sapere, dopo ogni loro viaggio, dove hanno mangiato e come si sono trovati; in particolare Consulo Lazzari e Diana Bertoldi che vivendo in zona ci hanno saputo suggerire qualche bel posticino interessante. Se avete qualche altra informazione o luogo da suggerire, non mancate di commentare qui in coda! Grazie
NB. Tutte le foto sono di proprietà di Ale Carini e Ivan Balducci ©2017-2018 o concesse in uso dai legittimi proprietari. Vietato ogni uso. Scozia on the road – 50 sfumature di viaggio.

2 comments on “Inverness: mini guida su dove mangiare”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...