rosslyn, scotland

Rosslyn Chapel: il codice Da Vinci e il Roslin Castle

32 commenti

Una delle tappe del nostro ultimo viaggio di Natale in Scozia è stato un ritorno nella amata Roslin, per visitare nuovamente Rosslyn Chapel e i dintorni di questo luogo incantato. Concedetevi 2/3 ore per fare una gita fuori porta ed andare a visitarla, perchè non ne resterete assolutamente delusi.

Incredibile come anche questa volta la Scozia mi abbia accolta qui, regalandomi panorami spettacolari! Non mi sarei mai sognata di poter vedere questo luogo coperto di neve e sotto un cielo di un azzurro turchese baciato da un tiepido sole. Sembrava di camminare dentro una cartolina! Tornare a casa non poteva essere più bello!

roslin glen

Roslin

è un villaggio del Midlothian a circa 11 km a sud di Edimburgo. Si erge su un’altura vicino alla riva del fiume North Esk, ad est delle colline di Pentland, che abbiamo potuto ammirare, ammantate di neve. Le sue origini si ritrovano sul Roslin Glen, dove le rovine del castello, restano appollaiate e sconosciute ai più.

E’ stato per lungo tempo un villaggio di minatori e vi erano molti pozzi che sono stati chiusi con la scomparsa della miniera a Midlothian. Probabilmente il nome Roslin deriva dal gaelico “ros“, promontorio roccioso e “linne“, cascata; altri sostegno che possa significare invece “antica conoscenza che si tramanda di generazione in generazione”.

Luoghi d’interesse

si possono visitare diverse attrazioni interessanti in questa zona tra cui il Roslin Glen, Rosslyn Chapel ed il  Roslin Castle, dove non siamo riusciti ad arrivare questa volta, a causa dei disagi creati dalla neve, perchè alcune strade non erano propriamente sicure, davvero un peccato averlo perso con questa cornice.

La parte che sopravvive oggi, fu costruita dopo la battaglia di Roslin, nel 1303 durante la prima guerra di Indipendenza scozzese. Il castello fu demolito in un assedio dal generale Monck, per conto di Cromwell, nella guerra civile nel 1650, ma la casa padronale è in realtà una parte restaurata del castello e può essere affittata.

Non è rimasto molto del Castello di Roslin, ma quel tanto che basta da aver fornito una buona posizione per girare “Il Codice DaVinci”. Ammirandolo rivedrete Tom Hanks seduto sul basso parapetto del ponte, che parla con Audrey Tautou; questa immagine credo vi risuoni familiare!

Roslin Castle

Roslin Glen

troverete disseminate per questo Glen, incisioni risalenti all’età del ferro, alcune risalenti a 3000 anni fa. Troverete anche i resti di un mulino, che fu tra i più grandi in Scozia nel 1800. Per accedere al Glen basta passare dal parcheggio auto.

Questo Glen offre una meravigliosa passeggiata tra flora e fauna locale e si è originato 10.000 anni fa, durante l’ultima era glaciale. Potrete ammirare spettacolari cime da cui furono estratte le pietre per costruire Rosslyn. Cave naturali o scolpite, tra le quali si dice si sia rifugiato anche William Wallace durante la battaglia di Roslin. Oggi Roslin Glen è un sito geologico di importanza regionale.

roslin

Rosslyn Chapel

Roslin è famosa in tutto il mondo per due ragioni molto diverse tra loro: è la sede del Roslin Institute, dove nel 1996 è stata clonata la pecora Dolly; ed è legata ai miti del Santo Graal. A sud del villaggio, infatti, si erge la Rosslyn Chapel, che è sempre stata famosa e immersa in un’aura di mistero e fascino. Diventata ancora più nota, quando nel 2003 Dan Brown l’ha citata nel suo libro, Il Codice Da Vinci.

roslin e il codice da vinci

Fu proprio qui poi, che nel 2006 venne girata una delle scene finali dell’omonimo film. Resterete sopresi nel vedere quanto questa stanza, sia molto diversa da come l’avete vista sul grande schermo, forse restando all’inizio un pochino delusi.

In realtà gran parte delle scene vennero girate nella piccola stanza staccata, alla vostra sinistra, conosciuta come Vestry, dove il prete veniva ad indossare i suoi abiti da cerimonia, poco usata e poco conosciuta.

roslin cripta

La cripta

è la parte più antica della cappella di Rosslyn; tradizionalmente cripte di pietra come queste, venivano usate come camere di sepoltura. E’ probabile che venisse usata come laboratorio durante i 40 anni della costruzione della cappella.

I disegni alle pareti, come quello che vedete sopra, forniscono testimonianze straordinarie sui progetti utilizzati per edificarla. La stanza segreta che i protagonisti trovano nel film, non esiste nella realtà o, se dovesse esistere, non è ancora stata trovata.

rosslyn chapel interni
John Sharp – Foto credit

La vetrata rappresenta la trasfigurazione di Cristo sulla montagna e fu aggiunta nel 1954 in memoria del V conte di Rosslyn.

roslin cripta

Rosslyn e la sede del Graal

Molti si domandano ancora oggi se Rosslyn Chapel sia veramente la casa del Santo Graal e, se è davvero la prova della scoperta del Nord America, secoli prima di Colombo. Al suo interno ci sono delle incisioni di piante come l’aloe ed il mais (o granturco), tipiche delle Americhe. Questo fatto è molto singolare se si pensa che la cappella è stata costruita 50 anni prima del viaggio di Cristoforo Colombo.

Si pensa che un gruppo di cavalieri abbia raggiunto l’America settentrionale ed abbia trascorso l’inverno a Westford, nel Massachussets, con gli indiani Mik’maq. Stando alla leggenda Sir Henry St Clair, nonno del fondatore della cappella, poteva essere uno dei cavalieri che intraprese questo viaggio. E se il granoturco di queste sculture, dimostrsse che furono i cavalieri scozzesi a raggiungere l’America prima di Colombo?

Il suo interno oltre ad avere rappresentazioni di santi e martiri è ricco di elaborate sculture ed è un monumento all’arte massonica ed ai cavalieri templari. Alcuni ritengono che sia un deposito dei templari e che possa contenere addirittura la testa di Giavanni Battista o il corpo di Cristo.

Nella Cappella, sotto le sculture, ci sono i resti di Robert The Bruce, che combattè per l’indipendenza della Scozia, di William St. Claire e di alcuni costruttori del monumento. La cappella di Rosslyn è quindi un miscuglio del patrimonio nordico, celtico, egizio, greco e cristiano. La cappella di Rosslyn è piena di colonne che potrebbero essere identiche a quelle del tempio di Salomone, teoria non verificabile perchè oggi del Tempio, non rimane più nulla se non il muro “del pianto”.

La presenza del castello, spiega anche il perchè della Cappella, costruita nel 1446 da Sir William St Clair, III principe delle Orcadi e il XI barone di Rosslyn, per assicurarsi un posto in paradiso e per diffondere la conoscenza intellettuale. Ci vollero 40 anni per complatarne la costruizione e quello che vedete oggi è solo una parte di ciò che William aveva in mente. Purtroppo morì prima di poter completare la sua opera. All’interno della cappella, trovate anche una scultura che lo raffigura.

La costruzione

La costruzione della cappella di Rosslyn richieste molte arti e mestieri ed il villaggio di Roslin si ingrandì, per ospitare artigiani di ogni genere, scavatori, mastri scalpellieri, fabbri e falegnami. La cappella viene definita gotica, per alcuni segni distintivi come i pinnacoli decorativi dei contrafforti; nel 1736 le finestre vennero dotate di vetri colorati.

roslin

La famiglia St. Clair

I St Clair, vollero fortemente la cappella, forse per incidere sulla pietra tutti quegli insegnamenti gnostici, che ai tempi venivano perduti perchè, l’inquisizione bruciava i libri e le streghe e tutto quello che potesse gettare ombra sul cristianesimo. 

Non sono, ad oggi, completamente chiari i legami che queste famiglia avesse con i templari, i massoni, con Rollone e con Guglielmo il Conquistatore, ma si ritiene che ne fossero diretti discendenti.

roslin

In tutta la cappella troverete riferimenti alla famiglia St Clair; una famiglia antica la cui storia inizia con i vichinghi, che si stabilirono nella parte Nord della Francia, conosciuta ancora oggi come normandia, da cui prese il nome.

Il nome della famiglia deriva dalla città di Saint-Clair-sur-Epte, dove nel 911, venne firmato il trattato di pace con il re di Francia, Carlo III. Dopo l’invasione normanna dell’Inghilterra, la famiglia si stabilì in Scozia dove strinse amicizia con grandi re come Roberto I di Scozia, diventando lentamente una delle più ricche e potenti famiglia della Scozia.

All’interno della cappella vedrete un angelo che sostiene un scudo su cui poggia una croce spinata, questo è lo stemma della famiglia St Clair e lo vedrete riprodotto spesso al suo interno.

roslin

Nell’arte dei poeti

Sir Walter Scott scrisse un famoso poema narrativo noto come “Il lai dell’ultimo menestrello” nel quale descrive 20 baroni di Rosslyn sepolti all’interno della cappella, entro la volta sacra e fa riferimento alla leggenda secondo la quale, quando muore un membro della famiglia St Clair, la cappella di Rosslyn avvampa come per un incendio ma, viene poi ritrovata sempre intatta. Il castello e la cappella in rovina, furono di ispirazione non solo per Sir Water Scott ma, anche per altri scrittori e poeti come Robert Burns e Wordsworth.

L’architetto Joseph Michael Gandy nel 1806, realizzò una mappa della Cappella di Rosslyn ed ispirato dalla sua visita, dipinse questa immagine nel 1815. Si vede la Colonna dell’Apprendista, così come molti altri punti salienti aggiunti, inclusa la “Tomba di Merlino” che vedete incandescente nel centro della Cappella.

Intorno al 1200, il poeta Robert de Boron scrisse una poesia su Merlino, che faceva parte di una trilogia su “Le leggende del Santo Graal”. In questa trilogia, fu Merlino che iniziò “la Sacra Ricerca per il Graal”. L’immagine tradizionale di Merlino come mago della leggenda arturiana può essere fatta risalire al XII secolo quando apparve in Geoffrey of Monmouth, “Storia dei re d’Inghilterra”.

All’interno la cappella vi lascierà letteralmente senza parole per la straordinaria bellezza di ogni suo angolo.

I suoi interni

Risplende ricca di magia e misteri che non sono stati ancora tutti svelati e se cercate un pò su internet, troverete tanti articoli, immagini e curiosità di ogni genere. Vedrete scolpita la crocefissione, i sette vizi capitali così come le sette virtù della misericordia, il velo della Veronica, il diavolo e gli amanti  e molto altro ancora. Una guida della Charity vi aiuterà a scovare diversi dettagli interessanti.

roslin e le faccie dimenticate

Siete stati in grado di riconoscere alcune delle facce dimenticate di Rosslyn, durante la vostra visita? Si pensa che l’uomo verde, simbolo pagano che rappresenta la capacità di fare del bene, per esempio, sia presente più di 100 volte! La nostra guida ci ha aiutati ad identificarne alcune.

Molti simboli della natura sono presenti all’interno della cappella, come le foglie di aloe vera, rose, stelle, felci, foglie di quercia. Il meraviglioso soffitto è diviso in 5 settori ognuno con scolpito un motivo diverso: margherite, gigli, rose , fiori di campo e stelle. Troverete anche scolpite le piante di mais o granoturco.

rosslyn lnterno loro pagina
Foto credit

Un’altro punto dove la vostra guida vi farà prestare attenzione, sarà la cappella della Madonna, che contiene alcune tra le sculture più belle ed elaborate, come quella della danza macabra.

Troverete anche una delle prime immagini di cornamusa, arrivata in Scozia dopo il trecento, nella scultura dell’angelo con la cornamusa. Nel soffitto la nascita di Cristo e poi ancora un angelo caduto, l’uomo verde e la strabiliante colonna del mastro scalpellino e dell’apprendista.

(foto credit)

La storia di queste colonne

Quello che oggi viene raccontato è che il mastro scalpellino aveva appena finito di scolpire la colonna di sinistra. Prima di cimentarsi nella scultura dell’altra colonna, decise di fare un viaggio all’estero per trovare ispirazione.

Durante la sua assenza l’apprendista, ispirato da un sogno, scolpì la colonna così come la vediamo oggi, con rappresentati anche 8 draghi che nella mitologia scandinava vivono alle radici dell’albero Yggdrasil, i cui rami uniscono insieme paradiso, terra e inferno. Quando il maestro ritornò, vide il capolavoro creato dal suo apprendista e preso da un impeto d’invidia, lo colpì con un mazzuolo e lo uccise.

A voi quale delle due colonne è piaciuta di più? All’estremità ovest della cappella potrete vedere le sculture dell’apprendista assassinato e del mestro scalpellino che fu impiccato per l’omicidio. Davvero una storia macabra.

Il battistero è la parte più moderna e fu aggiunto nel 1881 da Francis, IV conte di Rosslyn, nella vetrata anche un’immagine di San Francesco D’Assisi.

Gli Esterni

Ci sono molti punti di interesse anche esterni oltre che un incredibile cornice a livello di panorami. Sono presenti incisioni su tutte le pareti della Cappella anche se, alcune sono difficili da distinguere a causa degli effetti del tempo.

Sulla parete nord c’è una scultura di una volpe che scappa con un’oca e la moglie del contadino subito dietro di loro, che li insegue. Sul lato sud sono scolpiti  tanti volti negli archi a finestra insieme con gli animali, come ad esempio un cervo.

roslin

La parete ovest mostra come la cappella era originariamente destinata ad essere un edificio molto più grande, con delle porte che avrebbero potuto addirittura contenere una nave! Inoltre si possono notare altre caratteristiche che normalmente non sarebbero presenti sulle pareti esterne di una cappella, questo perchè non era stata progettata per esserle finita in questo modo. Il Battistero, sul lato ovest, è stato aggiunto nel 1880.

Fuori troverete anche un binocolo con il quale potrete cercare di individuarli dettagli scolpiti all’esterno e riprodotti qui per voi con tanto di spiegazioni. Sembra facile ma non lo è.

Uno dei tratti caratteristici dello stile gotico è l’arco a tutto sesto, che permise di costruire la cappella senza colonne centrali.

roslin

Il muro ad ovest ci fa chiaramente capire che Rosslyn è un’opera incompiuta, ma alla sua morte nel 1484 il figlio Sir Oliver, ricoprì solo il tetto, senza fare ulteriori lavori.

Vedrete qui il monumento commemorativo del IV conte. La Cappella di Rosslyn è stata istituita infatti, come una chiesa di famiglia e un certo numero di membri della famiglia St. Clair sono stati sepolti qui. Una tavola disponibile sul lato sud della cappella, vi aiuterà a identificare le singole tombe.

Il memoriale più importante è quello di Francis Robert St Clair-Erskine, il quarto conte di Rosslyn (1833-1890). Egli è stato determinante nella pianificazione, costruizione e nei lavori di restauro all’interno della Cappella e fu sepolto, a sua richiesta, all’interno di essa.

roslin

Presenti anche numerosi archi rampanti e pinnacoli sul lato a Sud e non potevo sperare di vederli con una cornice migliore di questa: neve, sole e cielo azzurro!

roslin

Quando nel 1860, la cappella tornò ad essere una chiesa attiva, il IV conte decise di ingrandire la cappella aggiungendo il battistero. Per la costruizione fu usata una pietra estratta ad Edimburgo, mentre la pietra originaria del resto della costruzione proviene dal Roslin Glen.

Nei dintorni

Attorno alla cappella di Rosslyn ci sono molte cose interessanti, tra cui un cimitero celtico immerso in un parco meraviglioso che affaccia sul Glen. Se volete saperne di più, date un’occhiata al nostro precedente articolo, qui.

roslin

Il centro visitatori

Troverete qui molte foto della famiglia St Clair e anche di personaggi famosi, come reali, in visita alla cappella. Se siete curiosi di conoscere qualcosa in più su questa importante famiglia e la sua storia, potete visitare il sito ufficiale.

Se siete già andati a visitare la cappella avete certamente conosciuto il Simpatico gatto, William, che è ormai diventato la mascotte di questo luogo. Dormiva indisturbato durante la nostra visita ed è docilissimo e coccolone. William è stato salvato da un membro della Charity e da allora è protetto dalla comunità e vive qui.

roslin gatto

Se volete divertirvi un pò insieme ai vostri figli al centro visitatori, troverete vestiti d’epoca da indossare per fare delle simpatiche foto! Onestamente avrei voluto farne una anche io ma, non ho visto vestiti adatti agli adulti e non ho chiesto informazioni perchè dovevamo andare via di lì a poco. Al centro visitatori ci sono diverse cose interessanti per i più piccolini, oltre che molti libri, diversi gadget e una graziosa cafetteria.

roslin

Molte sono le leggende templari e massoniche legate a questa imponente costruizione gotica, che troneggia sul promontorio a sud di Roslin e che resta lì immobile ed immutabile da secoli, immersa nel mito e nella nebbia oppure avvolta da un sole che la fa sembrare fiammeggiante.

roslin

NB. Tutte le foto sono di proprietà di Ale Carini (Ally Blue) e di Ivan Balducci @2018, o concesse in uso dai legittimi proprietari. Vietata la riproduzione senza permesso scritto. ©50 sfumature di viaggio – Scozia on the road

32 comments on “Rosslyn Chapel: il codice Da Vinci e il Roslin Castle”

  1. Molto interessante questo articolo sulla Rosalyn Chapel: di leggende sui templari in giro per l’Europa ce ne sono tante, l’ultima l’ho sentita a Cuenca in Spagna dove si dice che la cattedrale sia anch’essa il luogo dove sia conservato il Santo Graal.

    Piace a 1 persona

  2. Ma quanto bella è la Scozia? Ogni volta che leggo un tuo articolo mi innamoro sempre di più di questa terra. La Rosslyn Chapel è un incanto, sembra proprio di essere i protagonisti del film “Codice da Vinci”, talmente bella da non sembrare vera. Non la conoscevo, sono stata solo ad Einburgo per lavoro e nulla di più..

    Piace a 1 persona

  3. Fai venire una voglia pazzesca di prenotare il biglietto e partire! La Scozia voglio visitarla, poche storie, e adesso mi hai fatto aggiungere un tassello alla lista dei must ; )

    Piace a 1 persona

  4. Mamma mia che bellissimi posti!
    La Scozia mi attira moltissimo e mi hanno sempre affascinato le numerose leggende su di essa..
    Non conoscevo la Rosslyn Chapel, se non per il film..
    Sembra davvero un posto molto suggestivo.. chissà che emozione visitarlo e scoprire i suoi misteri!

    Piace a 1 persona

  5. Mamma mia che bellissimi posti!
    La Scozia mi attira moltissimo e mi hanno sempre affascinato le numerose leggende su di essa..
    Non conoscevo la Rosslyn Chapel, se non per il film..
    Sembra davvero un posto molto suggestivo.. chissà che emozione visitarlo e scoprire i suoi misteri!

    Mi piace

  6. Certo che te racconti sempre di luoghi davvero interessanti! Io poi per questo tipo di leggende e misteri vado davvero pazza! è bello leggerti perché fornisci un sacco di informazioni dettagliate, per non parlare delle foto davvero ben fatte! Per il resto che dire…spero di andare presto in Scozia visto che non ci sono mai stata 🙂

    Piace a 1 persona

  7. Che luogo pazzesco, un angolo di Scozia che non conoscevo affatto. Grazie per questo articolo prezioso, una vera miniera di informazioni. Ora non vedo l’ora di tornare, magari in moto ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.